Il Consigliere Stasi: «si favorisca un sistema penitenziario dal valore pedagogico»

Mi preoccupano le considerazioni espresse del Ministro della Giustizia, Andrea Orlando, in seguito alla chiusura degli stati generali dell’esecuzione penale.

Ascoltando le sue parole ho avuto la sensazione che nel nostro Paese non vi sia una reale volontà di recupero dei detenuti, magari favorendo il lavoro o i percorsi di riabilitazione.

Per la sicurezza del nostro Paese sarebbe utile tornare a investire nell’assunzione di poliziotti penitenziari, sociologi e assistenti sociali. Le carceri dovrebbero nuovamente assumere un valore pedagogico, evitando l’applicazione di punizioni farsa che offendano i cittadini e generino soggetti destinati nuovamente a delinquere.